RECENSIONE “In Ogni Stella Nascosta” di Vanessa Sobrero

Buongiorno miei cari lettori.
È con immenso orgoglio che sono qui ad annunciarvi la pubblicazione di “In Ogni Stella Nascosta” di Vanessa Sobrero, un libro che tutti gli amanti del vintage, di Elvis, delle gonne a ruota e del Rock n Roll vorranno avere nelle proprie librerie personali!

Ho avuto l’opportunità di leggerlo in anteprima e recensirlo per voi, perciò, se siete curiosi, non dovete far altro che continuare a leggere!

TITOLO: In Ogni Stella Nascosta

AUTORE: Vanessa Sobrero

GENERE: Romance, Commedia romantica

DATA PUBBLICAZIONE: 26 maggio 2018

EDITORE Self-Publishing

PAGINE: 380

PREZZO: 12,50 € / 2,99 € (eBook) – Offerta lancio: 1,99 € fino al 28 giugno 2018


SINOSSI

Dietro il grigiore cittadino, Milano nasconde un cuore romantico e retrò come un film con Audrey Hepburn.
Cecilia lo scopre una sera d’autunno a una festa anni Cinquanta, dopo essersi trasferita in città per studiare alla NABA. È una ragazza dolce e ironica, inghiottita dalla monotonia universitaria.
Alex è il dj del Rockabilly Fest, un uomo adulto, arrogante, che rifugge le relazioni come fossero whisky scadente.
Tra le strade di una Milano romantica, gonne a vita alta e musica rock and roll, riuscirà Cecilia a fare sciogliere il cuore testardo di Alex?

Una Milano rock in bianco e nero fa da sfondo ad una storia d’amore dolcissima che fa sospirare e battere il cuore fin dalla prima pagina.

Cecilia è una studentessa universitaria allo sbando di appena ventun anni, mentre Alex è un affascinante uomo di trentacinque anni con una solida carriera avviata nel campo musicale. Non potrebbero essere più diversi di così, apparentemente. Ma se pensate che l’unica cosa ad accomunarli sia la città di residenza vi sbagliate di grosso! Un venerdì sera, il destino – che porta il nome di Letizia – è sceso in campo e ha scovato quella grande passione in comune, l’unica con il potere di avvicinarli e di fare da tramite tra due generazioni tanto distanti l’una dall’altra: gli anni Cinquanta.
Già, perché Alex altri non è che il famoso dj – nonché fondatore –del celebre Rockabilly Fest, la serata a tema 50s che durante i weekend riporta i locali di tutta Italia indietro nel tempo, all’epoca dei Beatles e della brillantina, del twist e del rock n roll.

Sarà proprio ad una di queste serate che lo sguardo di Cecilia si poserà per la prima volta sulla figura alta ed elegante di Alex Grimaldi. E come resistere al suo fascino maturo da bello e dannato?

Quando inchiodò lo sguardo nel mio, l’Esplora Risorse del mio sistema nervoso centrale smise di rispondere e andò in arresto. Visualizzai la scritta: “L’applicazione Cervello non risponde, chiudere?”. Rimasero attive solo le informazioni base, come il mio nome, il Padre Nostro e le poche canzoni che sapevo a memoria.

D’altro canto, anche la giovane Cecilia Abis non è passata inosservata agli occhi del bel dj. Peccato per quell’unico, piccolissimo ed insignificante dettaglio: la differenza di età.

Riusciranno Alex e Cecilia a trovare un punto di incontro e ad abbattere quei tredici anni che si frappongono tra loro e che, con prepotenza, minacciano la loro relazione?

Sto per dire una cosa che dico molto raramente, in particolare per quanto riguarda i romanzi d’amore, ma che in questo caso mi sento di urlare a gran voce: alla sua età, e con appena un paio di romanzi all’attivo, Vanessa Sobrero può vantare un vero e proprio timbro stilistico, uno stile personale ed inimitabile, peculiarità che solo i migliori scrittori possiedono.

Nella realtà editoriale italiana contemporanea, ci sono molti, forse troppi, autori che non sono né carne né pesce, come si suol dire. In questo vasto mondo che vanta migliaia di scrittori anonimi e senza alcun tipo di spessore, Vanessa Sobrero ha saputo affermarsi ed elevarsi grazie al suo stile unico ed inconfondibile.

Ci sono libri che seppur scritti da Pincopanco, potrebbero in realtà essere stati scritti da Pancopinco e non farebbe alcuna differenza. Non è questo il caso di “In Ogni Stella Nascosta” e nemmeno del suo romanzo d’esordio, “Tra Mille Baci d’Addio”. Vanessa non si limita a raccontare delle storie. Ci trascina nel suo mondo, ci rapisce anima e corpo e può farlo solo perché anche lei ha disseminato pezzi della propria anima e del proprio corpo tra quelle stesse pagine. Ogni sua parola porta con sé un’impronta unica ed inimitabile. La sua firma è l’ironia, quella capacità che solo lei ha di sdrammatizzare anche l’evento più triste con battute leggere che non appaiono mai fuori luogo o inappropriate. Capita spesso di ritrovarsi a ridere e piangere a dirotto contemporaneamente.

Se dovessi trovare un’unica parola per descrivere il lavoro di Vanessa userei “originalità”, e non solo in riferimento al suo stile ma, più in generale, alla storia in sé.
Nonostante alcuni elementi potrebbero indurvi a pensare di trovarvi davanti alla classica storiella romantica caricata di cliché a non finire, vi assicuro che non è così.

Cominciamo da loro, i protagonisti: in un mondo governato dagli eserciti di Anastasia Steele e Christian Grey, Cecilia e Alex si differenziano per originalità, lasciando dietro di sé una scia di freschezza e novità da me tanto agognata. Lei non è la personificazione della Santa Vergine Maria e lui non è un maniaco sessuale aka bad boy assatanato. Vanessa ha fatto davvero un ottimo lavoro di caratterizzazione, sia per quanto riguarda i protagonisti sia per quanto riguarda le “comparse”, amici o familiari che siano.

Cecilia è una giovane donna, un ragazza un po’ insicura in cui molte di noi penso possano immedesimarsi con facilità. Frequenta l’ultimo anno di università e non ha alcuna idea di cosa la vita abbia in serbo per lei. Di sicuro non si aspettava che il destino la mettesse sulla stessa strada di un certo dj trentacinquenne di nome Alex Grimaldi.
Alex si discosta dai soliti protagonisti maschili stereotipati. Come ogni personaggio verosimile che si rispetti, anche lui ha i suoi difetti: è vanitoso e a tratti arrogante ed è leggermente egocentrico. Ha un guardaroba che farebbe invidia a moltissime donne, ben rifornito di completi eleganti, gilet e cravatte – e vestaglie di dubbio gusto probabilmente appartenute a Hugh Hefner. Ma, nonostante l’aria da bello e dannato, Alex Grimaldi è un gentleman d’altri tempi, un uomo gentile e premuroso. Ha paura dell’amore, paura di rimanere scottato, vittima di una cocente delusione, soprattutto se dall’altra parte c’è una “ragazzina” di vent’anni – una ragazzina che è stata capace di rubargli cuore e anima.

Volevo riempire i suoi occhi di bellezza, voleva riconquistare la sua fiducia a suon di tramonti e arte, volevo farle capire che m’importava di lei e delle sue passioni, in modo da convincerla che era lei l’unica opera d’arte che volevo vedere.
L’unica che meritava davvero di essere vista.

Nonostante la differenza d’età sia un cliché particolarmente abusato, Vanessa ha saputo rimodellarlo e trasformarlo in qualcosa di nuovo. Insomma, nessuno – a parte Alex – si fa venire particolari paturnie a causa di quei tredici anni che intercorrono tra loro – nemmeno i genitori di Cecilia. Non è una storia alla “Scusa se ti Chiamo Amore”, per dirne una, in cui i protagonisti tentano di tenere la relazione ad un certo livello di segretezza perché “ai miei genitori viene un infarto se lo scoprono”.

La differenza d’età non appare come un “peso”, un ostacolo insormontabile. È un mondo nuovo quello in cui vivono Alex e Cecilia, un mondo moderno e di larghe vedute in cui l’amore non ha età. Alex tentenna, ha dei dubbi riguardo a questa relazione e si pone delle domande, ma non per i tredici anni anagrafici che li distanziano, ma piuttosto per i tredici anni generazionali. Alex ha paura che Cecilia sia troppo immatura, che non sia pronta per una relazione stabile e tutto quello che essa comporta e che, alla sua età, cerchi qualcosa di più “occasionale”, leggero e spensierato.

È stato bello assistere alle mirabolanti imprese in cui Cecilia si diletta per convincere Mr. Grimaldi di avere tutte le carte in regola per diventare la donna della sua vita.

«Tu lo conosci da più tempo, cosa posso fare per riconquistare la sua fiducia?»
[…] «Uhm, vediamo…» Sembrò pensarci su, assumendo un’espressione concentrata che lo faceva sembrare un cucciolo di cane. «Dovresti fare qualcosa di eclatante, qualcosa che richieda un grande sforzo e che dimostri quanto ci tieni a lui. Tipo…»
«Tipo?»
«Tipo resuscitare Elvis.»

Ma tornando a parlare di originalità…

In questo romanzo si respira un’atmosfera che raramente ho trovato in altri libri. Sto parlando degli anni Cinquanta, naturalmente!

Ultimamente siamo stati invasi dai revival degli anni Ottanta, soprattutto, ma anche degli anni Novanta. Io sono una persona molto nostalgica, penso spesso con malinconia agli anni passati, ma, devo ammetterlo, questa moda degli 80s e dei 90s mi aveva un po’ stufata. Quindi non potete capire la mia gioia nel leggere un romanzo che riporta in auge i magici 50s! Certo, “In Ogni Stella Nascosta” non è ambientato negli anni Cinquanta, ma, per quasi tutto il romanzo, l’atmosfera che si respira è quella. Dagli outfit ai balli alla musica fino all’arte e alla fotografia. Tutto urla 50s!

E poi Milano! Ah, che meraviglia!
Vanessa ama la sua città e si vede! Mette tutto il suo amore e la sua passione tra le sue pagine, nelle sue descrizioni. È quasi come se “In Ogni Stella Nascosta” fosse una dedica speciale a Milano, un inno alla sua bellezza “nascosta”.

Milano era una casa da scoprire, da amare, da vivere. Per poterla apprezzare, dovevi guardare dietro gli angoli, dentro i giardini nascosti; dovevi guardare le decorazioni consunte dei palazzi storici e la geometria severa dei mostri d’acciaio che tagliavano il cielo. Dovevi guardarti intorno per vederla e quando alzavi finalmente lo sguardo riuscivi a capire che era una città segreta, una città per pochi.
Milano non si faceva vedere, ti chiedeva di scoprirla, di assaggiarla, di camminare le sue strade fino a farti male; ti chiedeva un sacrificio per farsi conoscere e io, anche se ancora non lo potevo sapere, ero pronta a conoscerla, a farmi amare e ad amarla. Era la città dove la vita diventava caotica, turbolenta e il cuore batteva più forte. La chiamavano Sindrome di Stendhal: “Quel livello di emozione dove si incontrano le sensazioni celesti date dalle arti e i sentimenti appassionati” ed era così che mi ero sentita quel giorno, ma non era stata una città o un’opera d’arte a stordirmi il cuore.
Era stato un uomo.

Le sue descrizioni sono così vivide che sembra quasi di trovarsi realmente lì, a mangiare risoelatte insieme ad Alex e Cecilia o a passeggiare accanto a loro sui Navigli.

Come ho detto, Vanessa ci trascina tra le sue pagine. Il lettore si ritrova a vivere la storia tra Alex e Cecilia sulla sua stessa pelle, se la sente scivolare dentro, fino al cuore.

Vanessa Sobrero ha compiuto una vera e propria magia ed io la ringrazio per avermi regalato così tante emozioni che, ne sono sicura, mi rimarranno nel cuore per ancora molto molto tempo.

E se anche voi siete alla ricerca di una storia d’amore originale, capace di farvi sognare ad occhi aperti, allora “In Ogni Stella Nascosta” è il libro che fa per voi!

5/5
8 commenti
    • Sapore d'inchiostro
      Sapore d'inchiostro dice:

      È esattamente come pensi e anche molto di più *-* Ti consiglio assolutamente di leggerlo! Ne rimarrai soddisfatta, non ho dubbi 😘

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi