SEGNALAZIONE “Lettere Per Victoria” di Marcelo Puglia, l’addio straziante di un padre alla figlia

Buongiorno lettori!

Oggi vi segnalo l’uscita in libreria di un libro che, ne sono certa, riuscirà a far lacrimare anche i cuori più duri. Sto parlando di “Lettere per Victoria”, un romanzo che racconta l’addio straziante di un padre alla figlia.

LETTERE PER VICTORIA di Marcelo Puglia (14 marzo 2018)

TITOLO: Lettere Per Victoria

AUTORE: Marcelo Puglia

DATA DI PUBBLICAZIONE: 14 marzo 2018

GENERE: Narrativa

EDITORE:  Giunti

PAGINE: 358

PREZZO: 12,66 € / 7,99 € (eBook) 


TRAMA

Mauricio ha quarant’anni, una compagna stupenda e una bambina appena nata. Il licenziamento lo sorprende come un fulmine a ciel sereno ma non sarà quello il giorno peggiore della sua vita. Un controllo di routine non dà i risultati sperati e improvvisamente per lui non c’è più un futuro: gli restano sei mesi di vita. Facendo un calcolo folle è come se dovesse concentrare in una manciata di giorni tutto quello che avrebbe voluto fare nei prossimi 30 anni. Assicurare una stabilità economica alla sua famiglia, sposare Gabriela, trovare degli sponsor per far decollare il suo blog… Alla lista di cose da fare si affianca quella degli “ultimi”: l’ultimo sorriso di sua figlia, l’ultima canzone, l’ultimo ricordo felice. Ma come si fa a dire a chi si ama che ci restano solo pochi mesi di vita? E come lasciare una testimonianza di sé alla piccola Victoria, che non conoscerà mai davvero suo padre? È così che Mauricio comincia a scriverle una lettera ogni giorno per raccontarle di sé e del mondo, per offrirle una guida e un conforto nei momenti in cui non ci sarà.

Un romanzo toccante, pieno di amore e di speranza, sul valore del tempo e della famiglia. Perché anche dopo l’ultima parola, la vita continua a stupirci con sorprese straordinarie.

Alzi la mano chi non si è commosso solo leggendone la trama!

Questo non è un libro sulla vita, tantomeno un libro sulla morte, è un libro sul tempo.

Ho letto l’estratto di “Lettere per Victoria” sul sito di Giunti Editore (QUI) e ne sono uscita devastata. Già alla fine della prima pagina avevo le lacrime agli occhi.

Come anticipato dalla trama, Mauricio, un giorno, presentandosi al lavoro trova le porte chiuse e il badge non funzionante. La conclusione è una e una soltanto: è stato licenziato. La notizia di per sé sarebbe già abbastanza grave se non fosse per l’esito drammatico del check-up annuale che l’azienda impone ai propri dipendenti. In un giorno solo, Mauricio scopre di essere stato licenziato e di aver un tumore maligno al cervello che lo ucciderà entro sei mesi.

In pochi secondi, la preoccupazione di ritrovarmi disoccupato è stata sostituita dalla condanna ad avere solo sei mesi di vita (secondo i medici, con un po’ di ottimismo potrei arrivare a sette): neanche il tempo sufficiente per riuscire a vederti camminare o per sentirti dire “papà”.

Per questo motivo, Mauricio decide di lasciare delle lettere alla sua bambina, così da darle una possibilità di conoscere il proprio padre. In quei sei mesi che lo separano dalla morte, Mauricio si racconta, mette i suoi pensieri nero su bianco, le sue riflessioni sulla vita, i suoi sogni, così che Victoria non possa mai dimenticarsi di quel padre che una volta l’ha stretta forte tra le proprie braccia e l’ha amata, e che l’amerà per sempre, oltre il tempo, oltre lo spazio, oltre la morte.

Ho sempre amato la vita; sentire l’odore dell’erba bagnata in una domenica di pioggia, il profumo della salsa di pomodoro appena fatta, toccare la sabbia calda e sentire il contrasto con il freddo del mare. Ho amato piccoli particolari che possono sembrare stupidi ma che, quando pensiamo con il cuore, ci rendiamo conto che sono tutto, che rendono speciale la nostra vita, perché se non li cogliamo, se non ne possiamo godere, tutto diventa piatto e grigio. Victoria, valorizza tutto quello che ti circonda, poco o tanto che sia, la felicità sta dentro di te (parlo come il maestro Yoda). Le stelle che brillano in cielo ti fanno felice non solo perché esistono, ma perché puoi vederle.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi